Skip to content

Ogni venti del mese

20 febbraio 2016 | Senza categoria | no comments

Primo fu Luglio, colloso di poca pietà.

Ogni Venti del mese
al collo è una tagliola.
– la tua morte detta, come pece che cola
dalle orecchie al cuore, via
per l’esofago un bolo bollente –
Ogni Venti del mese
l’aria è un nuovo pasto di dolore asciutto
– lo ingoio impotente, ne traccio
lo scivolo asfittico. Incudine
lenta nel corpo-

Ogni Venti del mese
il tuo Vuoto è un pieno crudele
che mi nega il respiro.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7 followers: